Passa ai contenuti principali

Cruffin


Dal sapore americano neanche a dirlo, i cruffin sono un incrocio tra muffin e croissant. Sono friabili e morbidi allo stesso tempo, ottimi per la colazione dolci, ma con una nota salata, squisiti per l'aperitivo con formaggi e salumi. Con questa ricetta partecipo al contest di RE-CAKE 2.0, ed infatti la ricetta, seppur con piccole variazioni ed il procedimento sono opera loro. Vi invito a cimentarvi in questa simpaticissima impresa, anche perchè c'è da usare la nonna papera e quindi si torna un po' bambini.
Buona lettura e buon lavoro a tutti.

Ingredienti:

300 g di farina nera (con carbone vegetale)
6 g lievito di birra disidratato
5 g di sale fino

5 g di zucchero
5 g di polvere di liquirizia
130 g di acqua tiepida + 30 g (2 cucchiai) per eventuali aggiunte
50 g di burro non salato, ammorbidito e tagliato a cubetti
165 g di burro non salato, a temperatura ambiente
50 g di cioccolato bianco


Procedimento:

Due ore prima di cominciare a preparare l’impasto, lasciate 165 grammi di burro non salato sul bancone della cucina, per portarlo a temperatura ambiente.

Nell'impastatrice (oppure in grande ciotola se impastate a mano) mescolate insieme la farina, il lievito e il sale. Aggiungete 130 grammi di acqua tiepida e impastate a bassa velocità per 3 minuti. L'impasto deve essere leggermente ispido e rigido, ma se si ha difficoltà a tenerlo unito, aggiungete gli ulteriori 30 grammi (2 cucchiai) di acqua e impastate di nuovo.
Unite quindi i 50 gr di burro tagliato a cubetti e impastate a bassa velocità per 5 minuti, fino a che l'impasto non sarà ben incorporato. Aumentate la velocità e impastate per altri 10-15 minuti, dovete ottenere un impasto liscio ed elastico.
Coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare per 40-45 minuti a temperatura ambiente.

Trasferite la pasta su una superficie leggermente infarinata e dividetela in 4 parti uguali.

Lavorate una porzione alla volta e coprite il resto (senza stringere eccessivamente) con della pellicola trasparente.

Spolverate la pasta con la farina in modo che non si attacchi, poi stendetela fino ad ottenere uno spessore di 1 cm.

Con la macchina per la pasta (la famosissima Nonna Papera) - nella misura più grossa – inserite la pasta, passatela, piegatela a metà e passatela un'altra volta.

Infarinate la pasta su ambo i lati e iniziate a tirarla con la macchina fino a raggiungere la misura più sottile (la pasta deve diventare sottilissima).

Per evitare il ripiegamento della pasta durante questo processo, posatela pulita e ben stesa sul bancone.
L'impasto sarà molto lungo, quindi dovrete tagliarlo a metà, e tenerlo steso.
Ora, con le dita, strofinate delicatamente un sottile strato di burro a temperatura ambiente (deve essere molto morbido ma non fuso) su tutto l'impasto, fino ai bordi. Fate i calcoli che ogni striscia è 1/8 di pasta, pertanto dovrete usare 1/8 del burro.

Fate questo per entrambe le sezioni della pasta.
Una volta terminato, iniziate ad arrotolare l'impasto di una striscia da un estremo all'altro, il più stretto possibile, ottenendo un tronchetto saldo. Posizionate il rotolo su un'altra estremità di striscia imburrata, e rotolate di nuovo.

Ora tenete da parte il tronchetto così ottenuto e fate lo stesso passaggio con le altre strisce.

Alla fine vi ritrovete con 4 rotolini di pasta. Prendente ogni rotolino e tagliatelo a metà nel senso della lunghezza, prendete una striscia così ottenuta, spolverizzate con la polvere di liquirizia (solo 4 strisce) e, con il lato tagliato verso l'esterno, arrotolatelo come a formare un nodino e infilate le estremità sotto.
Posizionate i nodi ottenuti all'interno di una teglia per muffin imburrata.

Ripetere il processo con le altre 3 porzioni di impasto e burro. Otterrete in tutto 8 cruffin.

Se si sta facendo questo il giorno prima, si può avvolgere la teglia con pellicola e lasciare in frigo. In caso contrario, copritela con della pellicola trasparente e lasciatela a temperatura ambiente per 2-3 ore fino al completo raddoppiamento.

Cucinate in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti, fino a quando si gonfiano e si dorano (non spennellare con uovo se si vuole spolverarli di zucchero a velo).

Lasciate raffreddare leggermente su una gratella, quindi spolverizzate con zucchero a velo quelli alla liquirizia e con cioccolato bianco fuso gli altri.
















Commenti

  1. Grazie per aver giocato con noi e spero tu ti sia divertita almeno quanto noi:) A presto!! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo, non so perchè ma leggo solo ora il tuto commento. Certo che mi sono divertita ;-) è stato un paicere

      Elimina
  2. Buona la tua versione con la farina nera! Posso chiederti dove l acquisti? È molto buona anche la pizza fatta con questa farina digeribile 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per i complimenti ;-). La farina la prendo da un'amica che ha un'ingrosso di farine vicino pescara, nei supermercati purtroppo non si trova ancora. In alternativa puoi aggiungere alla farina bianca del carbone vegetale che puoi reperire facilmente in tutte le farmacie

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tunacado sandwich - panino con tonno e avocado -

Ascoltando Fabio Volo alla radio che parlava di questo delizioso panino, mi è venuta voglia di rifarlo. Allora sono andata a spulciare la ricetta della famosa catena Joe & The Juice e l'ho riprodotto. Il sapore è paradisiaco, fa pensare ad un aperitivo in riva al mare, è semplicissimo da comporre e gli ingredienti sono tutti saporiti, già dal video vi verrà l'acquolina in bocca.

L'incontro con Giorgione

L'incontro con Giorgione, al secolo Giorgio Barchiesi, comincia con una sua grande espressione di sorpresa nel vedere tanti "smucinati" accorsi per lui. Immancabile salopette di jeans e occhiali colorati, rotti poco prima di sedersi, "tanto ne rompo un paio al giorno". Così entra nella sala della libreria Feltrinelli di Pescara rubando subito un sorriso a tutti gli astanti. E' un uomo dall'aria rassicurante, morbida, sincera, "se lo tingi di blu è il genio della lampada" dice Stefano Monticelli, il regista che per primo ha scoperto la grande potenzialità mediatica del nostro laido oste, che infatti aggiunge: "sono Giorgione perché qualcuno mi è venuto a cercare". Comincia col parlare dell'importanza delle materie prime, l'olio e il sale su tutti, "si pagano la fatica e il lavoro, un olio che costa 3 euro può essere solo per trattori", dice giustamente. Il bello dello scegliere gli ingredienti giusti sta propr

Focaccia sofficissima pronta in 5 minuti

  Una focaccia super morbida, davvero come una nuvola. Seguite bene tutti i passaggi e rimarrete stupiti. Ingredienti 450 g di farina 400 ml di acqua 1 bustina di lievito 2 cucchiaini di zucchero 1 cucchiaino di sale 2 cucchiai di olio origano q.b. Salamoia 1/2 bicchiere di acqua2 cucchiai di olio Uniamo farina, lievito e zucchero, aggiungiamo acqua un po' alla volta, infine l'olio e il sale. L'impasto risullterà molto morbido e così che deve essere. Lasciatelo lievitare per 3 ore in luogo caldo e poi stendete l'impasta su una teglia foderata di carta forno, spennellate con la salamoia e lasciar lievitare ancora 30 minuti. Cuocere a 200° per 25 minuti.